fbpx
LaptopLifeStyle

Peer-to-Peer Lending: cos’è e come guadagnarci

peer-to-peer lending

Indice

Presentazione

Benvenuto in questo nuovo post. Oggi parliamo di Peer-To-Peer (P2P) lending nell’ambito digital e quindi nel contesto di Internet. In questa guida, cercheremo di capire di cosa stiamo parlando oltre a fare il punto su svantaggi e vantaggi di questa forma di investimento. Inoltre, parleremo dei guadagni generabili attraverso il prestito (lending) dei nostri soldi secondo queste modalità.

Definizione di Peer-to-Peer Lending

Il P2P lending definisce, in linea di massima, una forma di prestito di denaro innovativa, realizzata online, mediante le più svariate piattaforme digitali. Proprio come un prestito normale, i due attori principali sono un creditore e un debitore, tuttavia, essendo realizzato nel contesto di internet, questo scambio di denaro ha bisogno di un intermediario di fiducia tra i due partecipanti.

A questo punto, viene spontanea la seguente domanda: perché mai una persona dovrebbe richiedere del denaro a uno sconosciuto online? La risposta è molto semplice.

Spesso, può capitare che un’impresa o un privato abbia bisogno di una certa quantità di denaro per realizzare un progetto, comprare un bene o completare un qualsivoglia acquisto. A questo punto, potrebbe capitare che il debitore (colui che ha intenzione di richiedere il prestito) non abbia garanzie da fornire alla sua banca affinché questa accetti la richiesta di denaro. Un altro possibile scenario potrebbe essere quello in cui è lo stesso debitore a rifiutare le condizioni di prestito imposte dalla banca, se ritenute troppo svantaggiose. Dunque, la soluzione a uno di questi due problemi, potrebbe essere richiedere la stessa quantità di denaro attraverso una piattaforma di P2P lending, con condizioni molto più flessibili.

Guadagnare con il Peer-To-Peer Lending

Dopo aver capito come funziona il meccanismo, viene da chiedersi come poter sfruttare la situazione a proprio vantaggio per guadagnare denaro. A tal proposito è ovvio che, come ogni prestito di denaro che si rispetti, il debitore è tenuto a restituire l’intera somma percepita in un tempo X e con un tasso di interesse Y. Questi parametri sono molto variabili e, in generale, le piattaforme di P2P lending forniscono una grossa flessibilità in questo senso, sia lato creditore che lato debitore.

Infatti, nel momento in cui decido di voler prestare il mio denaro, consultando una piafforma di P2P lending, posso scegliere tra migliaia di richieste di prestito e decidere quale accettare in base alla quantità di denaro che voglio prestare, la durata del prestito, il tasso di interesse, la reputazione del debitore e molti altri parametri.

Allo stesso modo, se ho intenzione di richiedere in prestito del denaro, posso impostare parametri a me congeniali. Tuttavia, è intuitivo pensare che parametri troppo convenienti al debitore renderanno la mia proposta molto poco appetibile, diminuendo le possibilità che questa venga accettata.

In definitiva, concentrandoci sul lato creditore, data una certa somma di denaro, potremo prestarla per un tempo che va dai 3 mesi a più di 2 anni, ottenendo un ritorno variabile tra il 2% e il 12% annuo. Insomma, niente male. Tuttavia come al solito, non è tutto oro ciò che luccica. Infatti, oltre ai numerosi vantaggi già precedentemente accennati, questa modalità di prestito “smart” presenta anche diversi svantaggi più o meno notevoli.

Vantaggi

  • Flessibilità dei termini del prestito (interessi, durata, debitore e molti altri parametri)
  • Possibilità di diversificare tra vari progetti, debitori, finanziarie e piattaforme
  • Alto rendimento del proprio investimento
  • Nessuna barriera di ingresso
  • Semplicità di gestione e amministrazione dei propri prestiti/debiti

Svantaggi

  • Scarsa liquidità delle piattaforme
  • Fiscalità a carico dell’utente (eventuali guadagni sono inquadrati come rendimenti da capitale, con una tassazione al 26%)
  • Possibilità di fallimento delle finanziarie che mettono in collegamento creditori e debitori con conseguente perdita del proprio capitale
  • Possibilità di fallimento delle piattaforme intermediarie

Disclaimer

Dunque, questa forma di prestito innovativa ha tutte le carte in regola per rivoluzionare questo ambito della finanza. Tuttavia, come la maggior parte degli investimenti ad alto rischio richiede molta attenzione.

A questo si aggiunge anche la possibilità di fallimento dei vari intermediari. A tal proposito, bisogna prestare molta attenzione alle piattaforme da utilizzare per richiedere/prestare denaro. Inoltre, come al solito, il consiglio è quello di investire solo quella porzione di denaro che si è disposti a perdere e modulare questa quantità in base al proprio stile di vita e alle proprie disponibilità.

Conclusione

Per qualsiasi domanda o richiesta ti invito a utilizzare i vari form di contatto che trovi sul sito oppure, cliccando su questo link troverai tutte le nostri account social tramite i quali potrai fruire di vari contenuti supplementari e restare aggiornato sulle ultime pubblicazioni.

A tal proposito, ti invito a dare un’occhiata a tutti gli altri contenuti presenti nella sezione articoli del blog.

Se invece apprezzi il nostro lavoro e vorresti contribuire al progetto e alle spese da esso derivanti con una piccola donazione, ti invito ad utilizzare questo link.

A presto.

Articoli Correlati

Ho avuto un sacco di sogni quando ero un ragazzino, e penso che gran parte di ciò sia nato dal fatto che ho avuto la possibilità di leggere molto

Bill Gates
Articoli Consigliati
Sponsor
Seguici su Facebook
Esplora