fbpx
LaptopLifeStyle

BOT Telegram in PHP [ Pt. 2 Soluzioni di Hosting ]

Photo by Christian Wiediger on Unsplash

Presentazione

Benvenuto caro lettore in questo nuovo post. Questa è la seconda di una serie di guide per aiutarti a creare un BOT Telegram in linguaggio di programmazione PHP.

Come sicuramente saprai, infatti, i BOT al giorno d’oggi sono uno strumento fondamentale sia in un contesto aziendale che per uso strettamente personale, come complementare di un canale o gruppo Telegram, ad esempio.

In questa seconda guida, ci occuperemo semplicemente di fare una panoramica sulle varie soluzioni di hosting per il nostro BOT scegliendone una in particolare.

Soluzioni di Hosting

Ma passiamo alla pratica e cerchiamo di capire come hostare il nostro BOT Telegram gratuitamente.

Come saprai infatti, affinché risponda in maniera adeguata e continuativa alle richieste dei vari utenti che lo utilizzano, è necessario che il nostro BOT (e in particolare il codice che lo controlla) venga ospitato su un server attivo 24h al giorno 7 giorni su 7.

Come è facile immaginare le soluzioni sono davvero molte, tuttavia, trovarne una abbastanza valida e allo stesso tempo gratuita diviene più difficile.

In questo articolo verranno proposte varie alternative affinché ogni utente possa scegliere quella che preferisce tuttavia, per le finalità di questo mini-corso, ne verrà adottata una e una sola e la stessa verrà considerata in tutte le guide future. Ma non perdiamoci ulteriormente in chiacchiere e partiamo subito con il considerare le alternative secondarie:

  • Heroku, si tratta di una piattaforma di hosting gratuita. I passaggi per realizzare tutto ciò sono spiegati in maniera molto dettagliata all’interno di questa guida
  • Hook.io, ancora una volta stiamo parlando di una piattaforma che offre micro servizi grazie alla quale potremo ospitare il nostro BOT. I passaggi, ancora una volta sono spiegati nella guida linkata

La nostra soluzione, Altervista

Dopo averti presentato alcune soluzioni alternative, passiamo a quella da noi consigliata e della quale verrà fatto uso in futuro. Si tratta di altervista, una piattaforma di hosting gratuita sulla quale andremo ad inserire il nostro codice.

Quindi, per cominciare non dovrai far altro che registrarti al servizio. Potrai farlo attraverso il seguente link: Link Registrazione

Nel primo passaggio, seleziona “Vuoi solo servizio il servizio di hosting?” dato che questa modalità ci fornisce tutti gli strumenti necessari per la gestione del nostro progetto.

Inoltre, nei passaggi successivi, oltre ad inserire i tuoi dati, tra le varie soluzioni di hosting, scegli “Gestione File”.

Dopo aver completato tutto ciò ti ritroverai nel pannello di controllo , dove dovrai a procedere all’attivazione dei seguenti servizi:

  • CloudFlare
  • Database
  • Https

Questi ultimi, ci torneranno molto utili nei prossimi passaggi, dunque ti conviene farlo fin da subito.

Per questa guida è tutto, nella prossima ti verrà spiegato come creare un WebHook per poi procedere con la programmazione vera e propria.

Conclusione

Per qualsiasi domanda o richiesta ti invito a utilizzare il form di contatto che trovi sul sito oppure, cliccando su questo link troverai tutti i nostri account social tramite i quali potrai fruire di vari contenuti supplementari e restare aggiornato sulle ultime pubblicazioni.

A tal proposito, ti invito a dare un’occhiata a tutti gli altri contenuti presenti nella sezione articoli.

Se invece apprezzi il nostro lavoro e vorresti contribuire al progetto e alle spese da esso derivanti con una piccola donazione, ti invito ad utilizzare questo link.

A presto.

Articoli Correlati

Ho avuto un sacco di sogni quando ero un ragazzino, e penso che gran parte di ciò sia nato dal fatto che ho avuto la possibilità di leggere molto

Bill Gates
Articoli Consigliati
Sponsor
Seguici su Facebook
Esplora